Cerca
Inserisci una parola da cercare
Sezioni
News
Rubriche
Focus
Strumenti

Lunedì 7 Novembre 2016  09:41

Operatori in bicicletta per il servizio di assistenza domiciliare ad anziani e non autosufficienti.

BARI - Sono state consegnate questa mattina le biciclette destinate agli operatori socio-assistenziali e che garantiranno agli stessi di potersi muovere agevolmente nell'espletamento del servizio cittadino di assistenza domiciliare rivolto alle persone anziane e non autosufficienti.



Attraverso le due ruote acquistate nell’ambito del progetto finanziato dall’assessorato al Welfare, gli operatori socio-assistenziali dell’ATI vincitrice del bando pubblico - composta dalla cooperativa sociale Servizi Multipli Integrati (SMI), Consorzio Meridia e dalla cooperativa sociale GEA - potranno recarsi in tutti quartieri di Bari per garantire il servizio di assistenza domiciliare - SAD e l’assistenza domiciliare integrata - ADI, al via lo scorso 1° ottobre.

Sono venti le biciclette, omologate e dotate di caschetto, che circoleranno in città con flag identificativo del servizio SAD e ADI. L’idea progettuale, che non comporta alcun costo aggiuntivo per l’amministrazione comunale, nasce dall’esperienza delle cooperative coinvolte, che da oltre un decennio svolgono questo tipo di attività sull’intero territorio, ed è pensata per promuovere e sperimentare forme innovative di mobilità sostenibile.

«Le biciclette, che sostituiranno l’utilizzo delle automobili, saranno gli strumenti degli operatori socio-assistenziali impegnati da anni sul territorio cittadino in questa attività di tipo domiciliare - ha dichiarato l’assessora al Welfare Francesca Bottalico -. L’obiettivo è quello di arrivare nelle case degli anziani e delle persone non autosufficienti attraverso un’esperienza di mobilità sostenibile e un welfare on the road, riconoscibile e riconosciuto dai cittadini. Si tratta di un servizio molto richiesto e particolarmente efficace, rivolto a circa 250 cittadini grazie all’impegno di 50 professionisti. Queste persone vivono spesso la non autosufficienza in maniera problematica anche a causa di un contesto familiare molto precario. Pertanto puntiamo a offrirgli un’assistenza di tipo socio-sanitaria che allo stesso tempo li aiuti a rafforzare i legami sociali. Vogliamo che nessuno si senta isolato, a maggior ragione quando si tratta di persone fragili impossibilitate a muoversi autonomamente dalla propria abitazione».







Stampa la notizia Invia ad un amico

Notizie dagli altri canali
Cronaca
Politica
Sport
Spettacoli
Lavoro
QP Primo Piano
QP Intervista
QP Speciale

Mailing List
Iscriviti alla Nostra Newsletter
Inserisci la tua E-mail
quipuglia.it Testata Giornalistica Online
Quotidiano Online di Informazione
Reg. Trib. Brindisi n°17/04

Mob: 347-3838221 - Skype: quipuglia - Fax: 178-6030556

Home Editoriale Interviste Primo pianoSpecialiRegistrazione Scrivici
Articoli, Testi, e foto, sono coperti da Copyright in quanto di produzione della proprietà di Giovanni di Noi e del Quotidiano Online di Informazione in Puglia quipuglia.it. Ne è pertanto assolutamente vietata la riproduzione parziale e/o integrale se non previo consenso scritto della proprietà. Articoli, testi, foto, e contenuti, dunque, non possono essere riportati e/o pubblicati, anche su altre testate, se non previa richiesta scritta a quipuglia.it e conseguente autorizzazione scritta.
quipuglia.it® É UN NOME E MARCHIO REGISTRATO.